OPI | Ordine delle Professioni infermieristiche Cagliari

    • Contrast
    • Layout
    • Font

Per l’Iss nelle Usca e Rsa l’infermiere è essenziale nell’assistenza Covid 19

Nella gestione clinica del caso sospetto o confermato Covid-19 “deve essere garantita la presenza di infermieri h24 e supporto medico”. Lo afferma un documento dell’Istituto Superiore di Sanità nel documento dal titolo “Indicazioni ad interim per la prevenzione e il controllo dell’infezione da SARS-CoV-2 in strutture residenziali sociosanitarie”.

 

Nelle strutture dove non sia presente assistenza infermieristica h24, il paziente dovrà temporaneamente essere isolato in stanza singola e successivamente trasferito ad altra struttura residenziale in grado di garantire le precauzioni di isolamento in accordo con le autorità locali, provinciali e regionali.

 

Se c’è invece la sospetta/probabile/accertata infezione occorre attivare le Usca (Unità Speciali di Continuità Assistenziale) che si avvalgono della consulenza/collaborazione degli infettivologi. I protocolli saranno quelli emanati dalle direzioni delle aziende sanitarie e recepiti dal responsabile sanitario delle strutture.

 

Ma anche in questo caso deve essere garantita, laddove siano presenti ospiti Covid-19 sospetti o accertati (anche in attesa di trasferimento), la presenza di infermieri h24 e supporto medico. L’infermiere quindi è essenziale anche nel caso di attivazione delle Usca.

 

Per approfondimenti: https://www.fnopi.it/2020/04/19/usca-infermiere-covid-rsa

 

About Author

Leave Comment