OPI | Ordine delle Professioni infermieristiche Cagliari

    • Contrast
    • Layout
    • Font

 

Le ricerche parlano chiaro: il 20 per cento degli errori relativi alla somministrazione di farmaci in campo anestesiologico è determinato da uno scambio di siringhe o dalla scorretta identificazione del farmaco dovuto ad una calligrafia poco leggibile.

 

Uno strumento di ulteriore controllo è l’etichettatura delle siringhe con diversi colori, dato che altri metodi di classificazione delle siringhe, come l’utilizzo di nastro adesivo e di pennarello indelebile, non si sono rivelati la soluzione indicata.

 

È quanto emerso da uno studio condotto presso il Servizio di Anestesiologia dell’Ospedale Marcial Quiroga, della cittadina di San Juan in Argentina.

 

Secondo la ricerca, il metodo più sicuro per evitare i rischi nei pazienti è quello di etichettare le siringhe con adesivi colorati, che le classificano in tre grandi gruppi: miorilassanti, oppioidi e ipnotici.

 

Al momento dell’etichettatura, cinque aspetti fondamentali devono essere presi in considerazione, quali Il carattere tipografico, lo spazio tra lettera e lettera, l’altezza dell’etichetta, la scelta del coloree la qualità di stampa.

 

Il nome del farmaco deve inoltre corrispondere a quello riportato dalla Farmacopea Italiana (IP).

 

Per approfondimenti:

https://www.infermieristicamente.it/articolo/10874/infermieri-siringhe-colorate-per-ridurre-il-rischio-di-errore-in-terapia-cinque-aspetti-fondamentali-per-una-corretta-etichettatura/

About Author

Leave Comment