OPI | Ordine delle Professioni infermieristiche Cagliari

    • Contrast
    • Layout
    • Font

In 44 paesi del mondo la pandemia ha già ucciso 1500 infermieri

Sono circa 1500 gli infermieri deceduti in 44 paesi a causa della pandemia, una cifra che salirebbe a ventimila in tutto il mondo stimando anche gli operatori sanitari. Lo afferma l’ultima analisi dell’International Council of Nurses. Ad agosto gli infermieri deceduti erano 1097. Per l’amministratore delegato di Icn Howard Catton “il fatto che durante questa pandemia siano morte tante infermiere quante ne sono morte durante la prima guerra mondiale è scioccante”.

 

“Il 2020 è l’Anno Internazionale dell’Infermiera e dell’ostetrica e il 200° anniversario della nascita di Florence Nightingale, e sono sicuro che sarebbe stata immensamente rattristata e arrabbiata per questa mancanza di dati” ha proseguito.

 

“Florence ha dimostrato durante la guerra di Crimea come la raccolta e l’analisi dei dati possono migliorare la nostra comprensione dei rischi per la salute, migliorare le pratiche cliniche e salvare vite umane, e questo include infermieri e operatori sanitari. Se fosse viva oggi, i leader mondiali avrebbero la sua voce che risuonerebbe nelle loro orecchie dicendo che devono proteggere le nostre infermiere. C’è un abisso tra le parole calorose e i riconoscimenti e l’azione che deve essere intrapresa”.

 

Per Catton “gli infermieri avranno un ruolo importante da svolgere in ciò che viene dopo il Covid. La nostra esperienza e i dati che abbiamo significa che abbiamo una voce molto potente e legittima che dobbiamo usare per influenzare i sistemi sanitari del futuro. Quando tutto questo sarà finito, non dobbiamo mai più dare per scontato i nostri sistemi sanitari e dobbiamo investire molto di più su di essi e sui nostri operatori sanitari”.

 

Per approfondimenti: https://www.fnopi.it/2020/10/28/icn-infermieri-deceduti-1500/

About Author

Leave Comment