OPI | Ordine delle Professioni infermieristiche Cagliari

    • Contrast
    • Layout
    • Font

Fine vita, un documento comune di psicologi, medici e infermieri

Quello del fine vita è uno dei temi più sentiti non solo dai cittadini ma anche dalla comunità degli operatori sanitari.

Per meglio comprendere le implicazioni delle norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento, da tempo si è costituito un tavolo promosso dall’Ordine degli Psicologi del Lazio, al quale hanno preso parte l’Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma, insieme a rappresentanti del mondo sanitario, della ricerca e dell’associazionismo.

Come raccontato da Quotidiano Sanità (https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=72721), il tavolo ha prodotto il documento “Conoscere la legge n. 219/2017”, “uno strumento, corredato da Glossario, pensato per cittadini, pazienti, caregiver, operatori sanitari, frutto di un intenso lavoro iniziato nell’aprile 2018 con incontri periodici, contributi e revisioni provenienti da professionisti con diverse competenze e diverse posizioni, politiche ed etiche”.

Ecco il documento:

http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato2182845.pdf

“Gli infermieri hanno un rapporto di continua vicinanza con la persona malata, in modo specifico in tutte quelle situazioni e contesti di cura in cui non è più in grado di soddisfare i propri bisogni autonomamente”, afferma la presidente dell’Ordine degli Infermieri di Roma, Ausilia Pulimeno. “La relazione di cura, e spesso di fiducia, che gli infermieri instaurano rappresenta un’opportunità che diventa un importante mezzo e strumento di informazione che accresce la conoscenza dell’équipe affinché le scelte terapeutiche e assistenziali possano essere appropriate e sempre condivise”.

About Author

Leave Comment