OPI | Ordine delle Professioni infermieristiche Cagliari

    • Contrast
    • Layout
    • Font

Aceti: “Ecco cosa vuol dire non dimenticarsi degli infermieri”

 

“Cosa vuol dire concretamente non dimenticarsi degli infermieri? Significa prendere realmente coscienza della gravità del dato del numero dei contagi degli operatori sanitari: 7763 al 28 marzo e di questi quasi 4000 sono infermieri”. Lo afferma il portavoce Fnopi Tonino Aceti, che in un intervento mette in evidenza il fatto che “se siamo arrivati a questo punto è perché c’è stata, e continua ad esserci, una falla enorme per quanto riguarda la messa a disposizione dei dispositivi di protezione individuali, senza considerare il fatto che all’aumentare del contagio di operatori e cittadini, si è continuato a dibattere sull’eventuale opportunità o meno di fare i tamponi a tutto il personale sanitario”.

 

Per Aceti “non dimenticare, vuol dire tenere bene a mente il numero 23. A tanto ammonta sinora il numero degli infermieri deceduti a causa del Covid, di cui due suicidi. Riflettere sui perché di tutto questo è un imperativo categorico. Cosa è successo, cos’è mancato? Cosa ne sarà delle loro famiglie? Lo Stato sarà al loro fianco?”.

 

Infine, le retribuzioni: “Ricordarsi degli infermieri vuol dire ricordarsi che, come recentemente sottolineato da Marco Leonardi, consigliere economico del Mef, in una recente articolo, la professione infermieristica è al contempo un lavoro essenziale ma purtroppo pagato poco: circa 33mila euro lordi annui in Italia a fronte dei 41 mila della Germania e degli 83mila dei Paesi Bassi”.

 

“Una retribuzione decisamente non coerente con il livello di professionalità, di responsabilità, di percorso di studio e con il valore della professione infermieristica per la comunità” conclude Aceti.

 

Per approfondimenti: https://www.fnopi.it/2020/03/29/coronavirus-non-dimenticare-infermieri-aceti-editoriale/

 

 

 

About Author

Leave Comment